Sono nato in Toscana. Più precisamente a Greve in Chianti che, prima ancora di essere il centro geografico della produzione del Chianti Classico, è stata la patria natia di due grandi esploratori e navigatori del passato: Giovanni da Verrazzano, scopritore dell’attuale baia di Hudson dove sorge New York, e Amerigo Vespucci, noto per aver esplorato le coste del Sud America e quindi aver dato il nome a tutto il continente americano.


Avendo geneticamente sviluppato la capacità di esplorare nuovi mondi, fin dall’età di 15 anni non ho mai smesso di cercare la mia strada e, fra mille peripezie, attualmente sono diviso fra la Romagna e il Chianti, ma continuo la ricerca e la valorizzazione dei vini e dei prodotti tipici locali.


La mia storia enologica parte da lontano. Più precisamente inizia in una piccola distilleria di Greve in Chianti nella quale ho mosso i primi passi sulle vinacce profumate di Sangiovese.

I fumi dell’alcool e l’incontro con il mio grande mentore, Luigi Bellentani (di naso sopraffino e professionalità ineguagliabile), mi hanno fatto conoscere un nuovo amico, che cambia, si evolve, a volte stupisce, altre volte delude, ma che ogni volta mi dà sempre nuove emozioni: IL VINO.


Da allora non ho mai smesso di lavorare per Lui o con Lui: a volte l’ho raccontato, altre volte l’ho curato personalmente con mille attenzioni, spesso l’ho apprezzato con soddisfazione ed ogni volta sono stato ripagato di grandi sensazioni, tante amicizie, mille esperienze sempre diverse.


 

Un autoctono chiantigiano

Riuscire a far capire la tipicità di un prodotto è, e sarà sempre, il mio obiettivo principale.


E' il territorio che fa la differenza!!!